Home Cronaca Voglia di riaperture…ma anche di violenza: cosa sta accadendo nelle notti milanesi?

Voglia di riaperture…ma anche di violenza: cosa sta accadendo nelle notti milanesi?

Notizie Milano – Bianchi di gioia e rossi di rabbia. Il covid allenta la morsa sulla Lombardia e su Milano e la zona bianca, con la fine del coprifuoco, è ormai a un passo. Ma alla gioia per la riapertura, che fa tirare un sospiro di sollievo a baristi e ristoratori, si affianca un fenomeno imprevedibile, o forse no. La movida meneghina, che lentamente sta tornando a pieno regime, è violenta e insofferente come non mai. Risse, locali devastati, spaccio di droga e guerre tra gang e più in generale una sensazione di diffusa insofferenza che sfocia troppo spesso in violenza gratuita quanto feroce e improvvisa.

Cresce la violenza a Milano

Gruppi di ragazzi che dalla periferia e dall’hinterland si spostano in massa nelle vie del centro. Per rapinare o aggredire senza motivo vittime scelte a caso. Come la gang che per settimane ha tenuto sotto scacco l’Arco della Pace, che arrivava da Bonola e si vantava delle sue prodezze nei social marchiando i profili col cap 20151.

Ma anche la crescente ondata di violenze nella zona di corso di Porta Ticinese, alle Colonne di San Lorenzo. Pieno centro e centrale di spaccio e consumo di droga, diventata terra di nessuno con accoltellamenti, l’ultimo il 6 giugno, ma anche scene classiche da zona ultra-degradata: spacciatori che aizzano i cani ai carabinieri, costretti a sparare in aria, volanti della polizia prese a sassi e bottigliate.

Poi i video delle maxi risse, l’ultima in piazza dei Mercati, che ha coinvolto anche decine di minorenni. Il tutto in spregio a qualsiasi regola anti-covid, a iniziare dagli orari del coprifuoco, con migliaia di ragazzi in giro, pochi controlli spesso finiti malissimo.

Covid e movida

E, mentre le forze dell’ordine si organizzano pensando di mettere presidi fissi nelle piazze a rischio, gli esperti si interrogano sui motivi che abbia causato questa ondata di violenza. Colpa del Covid e del lockdown, di regole che i più giovani hanno sopportato con fatica troppo a lungo per poi esplodere? Colpa di un’istruzione che non ha retto alla didattica a distanza, facendo schizzare i numeri dell’abbandono e recidendo l’ultimo pezzo di cordone ombelicale che collegava i ragazzi difficili a una sorta di normalità? Difficile dare una risposta.

movida-violenta

Di sicuro la pandemia ha picchiato duro tra i più giovani, che magari non sono finiti in ospedale o in terapia intensiva come i loro padri o nonni, ma hanno vissuto, soprattutto nel primo lockdown del 2020, un isolamento lungo e surreale. Molti si sono trovati completamente isolati, costretti in situazioni familiari e abitative da cui non potevano più fuggire. Un disagio dimostrato dai numeri dei tentati suicidi tra adolescenti: in crescita tra i ragazzi del 30%, con il 90% dei casi tra i 12 e i 18 anni.

Milano come Parigi

Ma il Covid è stato anche il doping di un malessere profondo, che in una città complessa come Milano, con le sue periferie e il suo hinterland sempre più simili alle banlieue parigine. Ricchezza e ghetti, per lo più di immigrati di seconda o terza generazione ma non per questo più integrati, che convivono a pochi isolati di distanza, in una continua contraddizione che è la benzina che alimenta l’incendio sociale.

A questo si deve aggiungere la slavina che ha travolto la classe dei medio-piccoli imprenditori, soprattutto nel circuito dei bar e dei ristoranti, e con loro tutto l’indotto formato spesso proprio da quelle gioventù borderline che si è trovata di colpo senza niente, soldi, progetti, futuro. Dalla disperazione alla violenza il passo è breve, soprattutto se c’è la spinta di un mercato come quello della droga che invece non ha mai conosciuto crisi o chiusure e anzi, come sempre, è fiorito mentre il resto del mondo marciva travolto da un’emergenza senza eguali.

Le soluzioni

Violenza, spaccio, delinquenza, ghetti. Difficile trovare soluzioni, ma impossibile e sbagliato ignorare un problema che è sintomo di qualcosa di molto più grande. Di sicuro bisogna intervenire per riallacciare la città, agire nelle aree di disagio vero, smontare i ghetti e offrire vere alternative alla delinquenza a una generazione di ragazzi che non studia, non lavora, non ha più sogni e aspirazioni. Bisognerà poi fare i conti con i danni profondi che la pandemia ha fatto nelle teste e nei cuori di una classe di età, che per le statistiche è la meno colpita ma che forse, per questi drammatici mesi, finirà per pagare il prezzo maggiore.

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Qual è il futuro della mobilità a Milano?

News Milano - In vista delle elezioni comunali sono tante le proposte sulla viabilità della capitale lombarda avanzate nelle ultime settimane. Da poco è...

Alle elezioni anche il delicato futuro dello stadio San Siro

News Milano - In previsione delle elezioni comunali del capoluogo lombardo, si torna a discutere sui temi salienti della città. Primo fra tutti il...

I temi delle elezioni che faranno bene a Milano (comunque vada)

News Milano - Le elezioni comunali di domenica 3 e lunedì 4 ottobre sono molto attese nella città di Milano: potrebbero esserci importanti cambiamenti...

Covid diffuso nelle città: Milano è ancora vulnerabile?

News Milano - Nonostante la vaccinazione di massa abbia permesso una efficiente diminuzione di contagi e di ricoveri, alcune città europee, tra cui Milano,...